Home | Forex | Bid-Ask Spread nel Forex Trading: Cosa Sono e Come Funzionano
bid ask spread nel forex trading cosa sono e come funzionano
bid ask spread nel forex trading cosa sono e come funzionano

Bid-Ask Spread nel Forex Trading: Cosa Sono e Come Funzionano

Bid-Ask Spread nel Forex Trading: Cosa Sono e Come Funzionano – Con i termini Bid e Ask facciamo riferimento a due termini inglesi, che in italiano vengono tradotti con le parole: domanda e offerta.

Questi due elementi si rivelano piuttosto importanti nel forex, proprio perché grazie a loro si ha la possibilità di avere successo nel trading.

Nello specifico, con il termine “prezzo bid” ci riferiamo al determinato prezzo che un dealer potrebbe scegliere per l’acquisto di uno strumento finanziario.

Diversamente, invece, l’ask sta ad indicare al prezzo per il quale l’operatore finanziario è disposto a vendere titoli di tipo finanziario.

investire soldi nel forexTuttavia, c’è da sapere che il prezzo ask è maggiore rispetto al prezzo bid. Invece, con il termine “best bid” ci riferiamo al più alto prezzo bid, grazie al quale è possibile collegarsi al mercato finanziario.

Devi sapere anche che, il “best asko” è il più basso prezzo ask presente sul mercato finanziario.

Quotazione Mercato Best Bid and Offer

Differenza tra Best Bid e Best Ask

Con questo termine, BBO, indichiamo la quotazione di mercato che presenta best bid e best ask, ovvero i prezzi che si trovano sul mercato finanziario.

Quando parliamo di bid ask spread, invece, ci riferiamo al risultato della differenza tra best bid e best ask.

Che differenza intercorre tra i due? Il bid ask non è altro che la possibilità di guadagno che il dealer può contrattare, regolandosi a seconda degli strumenti di proprietà che fanno parte del portafoglio personale, che viene denominato “inventory”.

Invece, quando parliamo di bid ask spread, facciamo riferimento a un concetto relativo ai mercati ad asta, e in questo caso indichiamo il risultato della differenza che intercorre tra la proposta più alta in vendita e quella in acquisto sul mercato finanziario.

In parole più povere, bid e ask indicano i prezzi più vantaggiosi in fatto di acquisto e di vendita di uno strumento finanziario.

Come funzionano questi due elementi finanziari?

Nel momento in cui un investitore decide di acquistare un bene in Borsa, l’acquisto di questo titolo si riferisce a un determinato prezzo, e nel momento in cui lo si vuole vendere, lo si può vendere a un prezzo completamente differente da quello di acquisto, persino se il titolo non modifica il proprio valore.

Per esempio: Azione Apple che viene quotata a € 10,00; se voglio procedere con l’acquisto, devo verificare prima di tutto il prezzo di acquisto.

In questo caso il prezzo è pari a € 11,00 invece quello di vendita è di € 9,00. Sebbene la quotazione Apple a € 10,00 chi desidera acquistare deve farlo a € 11,00 sempre se il proprio scopo sia quello di vendere a € 9,00.

Quindi, quando parliamo di spread, facciamo riferimento alla differenza che c’è tra il prezzo di acquisto e quello di vendita. In pratica, lo spread è meno elevato all’esempio che ti ho appena fatto.

Bid e Ask, dunque, prendono il nome di livello internazionale Bid e Ask. Nel nostro Paese invece vengono chiamati rispettivamente denaro e lettera.

In ogni caso, i prezzi di acquisto e di vendita risultano essere i migliori, proprio perché sembrano essere più convenienti rispetto alle varie proposte di chi vuole acquistare e vendere. Riguardo all’esempio che ti ho fatto poco prima, il prezzo ask di € 9,00 era la miglior offerta di ogni singolo venditore.

Spesso si possono presentare situazioni in cui tutti i venditori propongono azioni a € 9,05, ma ci sono anche quelli che le vendono a € 9,10, e chi ancora a € 9,00. Quest’ultimo, dunque, risulta il prezzo migliore per chi acquista.

Di estrema importanza si rivela la copertura tra i venditori. Se abbiamo 250 azioni in vendita a € 9,00, non possiamo certamente acquistarne 251 allo stesso prezzo, poiché l’azione in più, ovvero 251 non si vende a € 9,00.

Logicamente, parliamo di un ordine parziale che si differenzia da quello calcolato. Lo stesso vale per il prezzo bid, ma al contrario.

trading forex spreadIn questo caso, dunque, lo spread risulta essere la differenza tra denaro e lettera.

In determinati mercati finanziari, lo spread simboleggia l’equivalente da versare per reggere la propria operazione.

Quanto a bid e ask, facciamo riferimento ai due elementi più importanti di qualsiasi mercato finanziario: materie prime, azioni, Forex, indici e così via.

Spread Cosa è

Tutto Quello Che Devi Sapere sullo Spread

Nel settore finanziario, con il termine spread andiamo a indicare un differenziale di prezzo.

Lo spread nasce dal confronto di due strumenti finanziari della stessa natura, più nello specifico parliamo di obbligazioni, di cui uno possiamo definirlo referente.

Tra i più noti titoli finanziari, abbiamo il Bund decennale tedesco che equivale al medesimo titolo di Stato italiano.

Tra il Btp italiano e quello tedesco, vi è una differenza primaria.

Questa differenza, infatti, simboleggia lo spread che per gli investitori determina un punto di riferimento in fatto di preferenza di investimento in strumenti finanziari del debito pubblico.

In buona sostanza, il paragone del Btp italiano con il Bund tedesco risulta essere quello che, nel miglior modo indica lo spread, dato che i titoli di Stato tedeschi sono molto più compatti con utili minori.

Abbiamo appena visto che, lo spread, che in italiano viene tradotto con il termine differenziale, non è altro che la differenza tra il prezzo più basso a cui un venditore intende vendere uno strumento finanziario e il prezzo più alto che un acquirente vuole offrire per quel determinato strumento.

Quindi, in un eventuale investimento, se con il Bund tedesco potremo ottenere un profitto del 2% e il Btp italiano è del 6%, lo spread verrà calcolato al 4%, dotato di 400 punti base.

In che modo vengono originate le differenze di profitto? Sappiamo che il prezzo presente sui mercati azionari è scaturito fra la domanda e l’offerta, e dato che la Germania risulta essere il Paese che assicura maggiormente in fatto di investimenti, lo Stato tedesco può permettersi di proporre entrate moderate, con un determinato numero di traders.

Sapendo anche che, lo Stato tedesco è considerato come uno dei porti più sicuri per effettuare i propri investimenti, il governo della Germania ha la possibilità di offrire delle entrate moderate, grazie a un numero in crescita di traders alleati.

In Italia, in cui il debito pubblico è molto alto, pari al 132,6% del PIL, le entrate devono essere superiori per trovare investitori. Le condizioni dell’Italia s’identificano grazie all’andamento del differenziale, se questo si abbassa, vuol dire che fare investimenti nel nostro Paese è meno pericoloso, diversamente lo è quando tende ad allargarsi.

borsa business investimentiDunque, sul fondamento di tali condizioni, le entrate che lo Stato italiano offre, se elevato, presuppone una spesa maggiore per il Paese stesso. Per pareggiare questo dislivello, è necessario che aumentino le tasse o si riducano le spese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.