Home | Fisco | INPS | Bonus Bebè 2018: Quali sono i Requisiti e Come Fare Domanda all’INPS
bonus bebè 2018 quali sono i requisiti e come fare domanda all'inps
bonus bebè 2018 quali sono i requisiti e come fare domanda all'inps

Bonus Bebè 2018: Quali sono i Requisiti e Come Fare Domanda all’INPS

Bonus Bebè 2018: Quali sono i Requisiti e Come Fare Domanda all’INPS – Anche per quest’anno sono state confermate le agevolazioni per i neonati da parte dell’INPS. Chiamato anche assegno di natalità, il bonus bebè è un aiuto economico donato dallo Stato tramite INPS, a tutte le famiglie con basso reddito.

Di fatti, possono accedere a questo bonus solo le famiglie che rientrano in determinati limi di reddito ISEE. Possono richiedere il bonus tutte le neo mamme, le mamme affidatarie e quelle adottive, riguardo a ogni bambino appena nato e per tutti i soggetti minori in affido oppure adottati, naturalmente dal 1° gennaio 2018 con termine al 31 dicembre 2018.

Per quanto concerne il bonus bebè, questo è di € 80,00 ogni mese per tutte le famiglie con reddito ISEE che non supera i € 25.000 all’anno.

Possono ricevere l’assegno di natalità anche tutte le famiglie che non superano i € 7.000 all’anno.

Naturalmente, questo speciale bonus erogato dallo Stato per tutte le famiglie con basso reddito, ha valenza di un anno, ciò vuol dire che vale a partire dalla nascita del bambino, oppure della sua entrata in famiglia.

Dunque, grazie a tale misura confermata ed erogata dallo Stato italiano, tutte le famiglie con reddito basso, possono far crescere adeguatamente il bambino, proprio per l’aiuto economico che viene dato loro.

Ma non è tutto, perché oltre alla somma erogata dallo Stato, sono state confermate ulteriori agevolazioni, come l’assegno di natalità anticipato, che è rivolto a tutte le future mamme che sono entrate nel settimo mese di gravidanza.

Questa tipologia di agevolazione, dunque, prende il nome di “bonus mamma domani”, che non è altro che un bonus da € 800,00 che può essere richiesto appunto da tutte le mamme al 7° mese di gravidanza.

Tra le altre agevolazioni, è presente anche il “bonus bebè asilo nido di € 1000,00” che ha una durata di 3 anni per tutti i bambini che sono iscritti all’asilo nido, sia pubblico che privato. Questo bonus inoltre può essere sfruttato dai bambini che hanno gravi malattie e non hanno la possibilità di frequentare l’asilo nido.

Un’altra speciale agevolazione donata dallo Stato italiano, riguarda l’aumento delle detrazioni dei figli ancora a carico, che è di € 4.000 annui.

Novità del Bonus Bebè 2018

Secondo quanto affermato dalla Legge di Stabilità 2018 il bonus bebè è stato confermato anche quest’anno, ma ovviamente ha la durata di un solo anno, ciò vuol dire che è possibile richiedere il bonus bebè per l’anno 2018, sempre a seconda dei propri requisiti.

A differenza del bonus bebè dello scorso anno, quello del 2018 prevede sì gli stessi importi, ma la sua durata è ridotta, proprio perché ha valenza di un anno intero. Dunque, abbiamo appena visto qual è la somma che spetta alle varie famiglie, per il sostegno dei nuovi nati nel 2018.

Ciò vuol dire che, € 80,00 sono assegnati a tutte le famiglie che nel 2018 hanno avuto uno o più bambini, e anche a tutte quelle persone che quest’anno hanno adottato un minore. In questo caso, il bonus può essere richiesto dalle famiglie che dispongono di un reddito ISEE di € 25.000 annui.

Invece, alle famiglie che non superano un reddito ISEE di € 7.000 all’anno, è destinato un bonus di € 160,00 mensili.

Ovviamente, anche in questo caso il bonus è riservato alle famiglie che hanno adottato o preso in affido un minore. Per beneficiare del bonus bebè 2018, però bisogna fare domanda all’INPS entro un termine stabilito, che è di 3 mesi dalla nascita o dall’adozione del minore.

Chi ha diritto al Bonus Bebè 2018?

Hanno la possibilità di richiedere il bonus bebè 2018 tutte le neo mamme, le mamme affidatarie e anche quelle adottive, ovviamente bisogna rispettare alcuni margini. Quindi bisogna essere:

  • cittadine italiane;
  • cittadine appartenenti a uno Stato associato all’Unione Europea;
  • cittadine extracomunitarie aventi regolare permesso di soggiorno.

Le neo mamme, inoltre, hanno una possibilità in più, che consiste nella richiesta dell’assegno di maternità Stato e Comune, sempre però se dispongono dei requisiti per poter usufruire del contributo donato dallo Stato.

Tuttavia, non è possibile beneficiare del nuovo bonus bebè 2018 se il bambino nasce prima dell’entrata in vigore del sostegno emanato dallo Stato italiano.

agevolazioni stato bebè

Di fatti, le leggi sono piuttosto chiare: possono usufruire del bonus bebè solo i bambini nati dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2017.

Per quanto concerne il 2018, l’agevolazione è stata riconfermata dalla Legge di Bilancio, ma solo per i bambini nati o adottati dal 1° gennaio 2018.

Requisiti INPS Bonus Bebè 2018

Naturalmente, per poter beneficiare di questo speciale bonus, le famiglie di nuovi nati o adottati nel 2018 devono disporre di determinati requisiti per fare domanda all’INPS. In questo caso, il decreto legge ha emanato una serie di condizioni per poter avare l’accesso al bonus bebè, che ovviamente tutte le neo mamme devono avere per fare domanda.

Quindi, a seconda della legge in corso, possono usufruire di tale agevolazione solo ai bambini nati fino al 31 dicembre 2018. Ti ricordo che l’agevolazione economica è di € 80,00 mensili per tutte le famiglie che hanno un reddito annuo di € 25.000, e aumenta di € 160,00 al mese per tutti coloro che non superano i € 7.000 all’anno.

Ovviamente, per poter beneficiare dell’assegno di natalità, è assolutamente necessario che il neo genitore presenti entro la data di scadenza la domanda, sempre se si è in possesso di determinati requisiti, quali:

  • tutte le famiglie che hanno avuto o avranno un bambino nel 2018;
  • il versamento dell’assegno, viene emanato fino a che i requisiti non si modificano;
  • bisogna disporre di residenza italiana;
  • convivenza con minore.

Riguardo alle capacità del bonus bebè ISEE e a seconda del regolamento di concessione dell’assegno di natalità, l’ordinamento dell’INPS n° 93, stabilisce il limite di reddito per poter beneficiare dell’aiuto economico da parte dello Stato:

  • € 25.000;
  • € 7.000 per le famiglie molto povere con basso reddito ISEE. Questa percentuale reddituale deve essere considerata come una cifra dei redditi dei genitori e attribuito all’anno solare precedente a quello della nascita del neonato beneficiario dell’agevolazione.

Importo del Bonus Bebè

Proprio come lo scorso anno, l’importo dell’assegno di natalità è lo stesso, quindi;

  • reddito inferiore ai € 25.000 si prevede un assegno di natalità di € 80,00 al mese per 12 mesi;
  • reddito ISEE che non supera i € 7.000 all’anno, si prevedono € 160,00 al mese per 12 mesi.

L’unica differenza è la durata del bonus, che diversamente dagli altri anni, è stata ridotta a 12 mesi. Naturalmente, ogni famiglia può beneficiare di questo bonus, sempre se l’INPS verifica l’esistenza degli specifici requisiti di reddito.

Come Richiedere il Bonus Bebè all’INPS

La richiesta per l’agevolazione deve essere effettuata entro 3 mesi dalla nascita o dall’affidamento, o ancora dall’adozione del bambino.

Questa domanda può essere presentata una sola volta per bambino, nel caso di gemelli invece la cifra dell’assegno deve essere moltiplicata ovviamente a seconda del numero dei gemelli.

risparmio bambini

Nel caso in cui la domanda venga effettuata oltre la data di scadenza prevista dall’erogazione del bonus, sarà accettata lo stesso dalla data di presentazione della domanda stessa, ma non saranno consegnati gli arretrati.

La domanda viene fatta all’INPS tramite semplicissimi passaggi:

  • bisogna accedere al sito ufficiale INPS;
  • recarsi nella sezione dei Servizi Online;
  • è necessario eseguire l’autenticazione tramite codice PIN Dispositivo rilasciato dall’INPS stesso;
  • selezionare la voce “Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito”;
  • cliccare sulla voce “Assegno di Natalità”;
  • su “Bonus Bebè” puoi scaricare il modello di domanda per l’assegno di natalità INPS.

La domanda può essere effettuata anche recandosi al Caf, i mediatori abilitati compileranno il modulo di domanda e lo trasmetteranno successivamente all’Istituto stesso.

Per la domanda del bonus bebè, è possibile anche contattare telefonicamente l’INPS, al numero verde da rete fissa 803.164 o al numero 06.164.164 da cellulare.

Il modello per richiedere la domanda del bonus bebè all’INPS può essere trovato tramite un percorso specifico:

  • Servizi per il cittadino;
  • Autenticazione con PIN;
  • Invio domanda di presentazioni a sostegno del reddito;
  • Bonus Bebè.

Termini di Presentazione dell’Ordinanza

Per quanto concerne il bonus bebè, la domanda deve essere presentata entro 3 mesi dalla nascita o dall’adozione del bambino in una nuova famiglia.

In caso di mancata presentazione della domanda entro i termini prefissati, scatta il versamento del contributo dalla quota della data in cui è stato consegnato il modello per via telematica e naturalmente non alla data di nascita del minore o dell’ingresso nella famiglia adottiva.

Modello SR163 INPS Assegno di Natalità a cosa serve? Si tratta del modello che le famiglie devono presentare per richiedere l’agevolazione all’INPS per beneficiare del bonus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.