BTP 2046: Investire in BTP Cosa Sapere

11

Due elementi sono all’ordine del giorno oggi in tema di investimenti: il primo è la riconosciuta necessità di una maggiore educazione finanziaria nella popolazione italiana, il secondo è la necessità di investire. Tenere il denaro fermo sul conto significa perdere certamente capitale, per i vari costi bancari e per il deprezzamento del denaro. L’inflazione, seppure oggi bassa, in prospettiva è attesa in crescita. Le due cose sono legate una all’altra: investire sì ma come, dove? Non lasciarti affascinare dalle sirene del facile arricchimento, sono molto pericolose e quasi mai ti arricchiscono. BTP 2046: Investire in BTP Cosa Sapere.

Come Investire

Esistono molti modi per investire il tuo denaro. Puoi investire in Fondi di Investimento, anche con un capitale progressivo su lungo termine. Oggi sono parecchio interessanti gli investimenti nei PIR ma se cerchi forti interessi l’unica maniera è investire in azioni, un tipo di investimento ad alto rischio.

Molte persone hanno realizzato rendimenti significativi ma molte altre hanno perso somme notevoli. Non esiste un investimento sicuro al 100% e comunque devi tenere conto che quanto maggiore è il rendimento atteso tanto maggiori sono i rischi di perdita di capitale.

Investire in Obbligazioni

Le Obbligazioni sono titoli relativamente sicuri: l’investitore versa del denaro ad un’azienda, ad un soggetto più in generale, in cambio della restituzione della somma versata dopo un tempo stabilito con l’aggiunta di una quota di interesse.

Il rischio in questo tipo di investimento è legato al valore dell’obbligazione che nel tempo può scendere anche parecchio o, al limite, di perdere tutto in caso di fallimento dell’impresa in cui si è investito.

Cos’è il BTP

Il BTP è il Buono del Tesoro Pluriennale, un’Obbligazione dello Stato Italiano, garantito dalla Cassa Depositi e Prestiti, emanazione del Ministero dell’Economia e Finanza.

Attraverso questi buoni il cittadino di fatto finanzia lo Stato, gli presta del denaro per un tempo prestabilito ottenendone alla scadenza il rimborso con l’aggiunta di un rendimento.

Chiaro che questo si configura come uno degli investimenti meno rischiosi. La possibilità di perdere il denaro investito si realizza solo in caso di default dello Stato italiano, un evento teoricamente possibile ma, almeno al momento, altamente improbabile.

I BTP si caratterizzano per una durata pluriennale. Quanto maggiore è il termine di scadenza, tanto maggiore è l’interesse corrisposto dallo Stato al cittadino che sottoscrive il Buono del Tesoro.

BTP 2046 Investire in BTP Cosa Sapere

Quanto rendono i Titoli di Stato

I Titoli di Stato attualmente disponibili sono i BOT a scadenza breve che non danno rendimento, è come mettere i soldi sotto al materasso, in sostanza e altrettanto è per i CTZ che però suppongono l’impegno biennale del denaro.

I BTP hanno scadenza da 3 a 30 anni. I BTP staccano una cedola, ossia si ottiene il rendimento predeterminato, semestralmente. Dal rendimento occorre considerare che si deve sottrarre una tassa pari al 12,50%.

BTP 2046: Investire in BTP Cosa Sapere

Il tasso di rendimento varia anche a seconda di quello che è il famoso Spread, il differenziale di tasso rispetto ai corrispondenti Bond tedeschi. Deve anche essere considerato il rovescio della medaglia.

Un rialzo dello Spread comporta un maggiore tasso di interesse ma la valutazione dei vari istituti di Rating influisce sul valore stesso del Titolo che hai in mano. Un arretramento della valutazione sull’Economia italiana abbassa il valore del Titolo.

Ti siamo stati utili con questo articolo? Commentalo subito e seguici su Facebook.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.