Home | Investimenti | Certificates: Cosa Sono, Come Funzionano? Guida Completa
certificates cosa sono come funzionano guida completa
certificates cosa sono come funzionano guida completa

Certificates: Cosa Sono, Come Funzionano? Guida Completa

Certificates: Cosa Sono, Come Funzionano? Guida Completa – Andiamo a scoprire di cosa stiamo parlando nello specifico, come possiamo utilizzarli nello specifico e qual è la migliore tipologia di investimento da adottare.

Sicuramente, se ti interessi di investimenti, avrai già sentito parlare di certificates. Si tratta di un’innovativa tipologia di investimento, che però non risulta ancora chiara a tutti. Cosa intendiamo con il termine certificates nello specifico? In questa guida voglio aiutarti a comprendere il significato di questo termine e di come puoi utilizzare al meglio questi certificates per gli investimenti.

Investire in Certificates: Cosa sapere?

I certificates, che in italiano traduciamo con il termine certificati, ricavando il proprio valore inferiore da una compagnia finanziaria, comportano la conoscenza preliminare di questo strumento che può essere di tipo azionario, monetario, obbligazionario e commodity.

Le caratteristiche principali da conoscere prima di acquistare i certificati sono diversi, tra cui:

  • strike price – consiste nel prezzo di gestione dell’opzione e viene fissato dal soggetto emittente;
  • valuta – è l’elemento che perette di emettere la valuta con cui il certificato viene espresso e stimato, ed è indipendente dalla valuta in cui viene espresso il sottostante;
  • prezzo di emissione – consiste nel prezzo con viene proposto il certificato durante l’emissione, che può essere uguale oppure inferiore rispetto al nominale;

business

  • multiplo – è l’elemento più importante in quanto permette di conoscere il rapporto che vi è tra il certificato e il sottostante, ossia la percentuale di sottostante controllata da un certificato;
  • valuta nominale – è il prezzo del certificato che viene fissato sia dall’emittente durante la costruzione.

In seguito alla decisione che si prende, è possibile proseguire con l’acquisto del certificato che si vuole comprare.

Cosa Sono i Certificates?

Ci riferiamo a strumenti finanziari derivati cartolarizzati diffusi dalle banche di investimento per poter offrire ai soggetti che intendono investire, i giusti strumenti che, grazie alla flessibilità di cui sono dotati, consentono di esaminare qualsiasi fase di mercato.

Vengono definiti cartolarizzati, ovvero sono prodotti attraverso il processo per cui un’impresa cede attività o passività, beni o debiti di crediti o di privati con l’emissione di titoli obbligazionari in cui questi vengono modificati, per poi essere resi disponibili al pubblico.

Dunque, parliamo di strumenti a gestione passiva che permettono di rinnovare alla perfezione il sottostante. Tuttavia, questi certificati non consentono di avere il diritto ai dividenti che sono diffusi dal sottostante stesso. Dobbiamo precisare, però, che determinati tipi di certificates propongono una cedola periodica.

I certificates sono quasi sempre negoziabili sulla piattaforma SeDex, ma anche sul Cert-X di Euro LTX in cui le istituzioni finanziarie hanno il solo compito di assicurare la loro liquidità. Pur trattandosi di certificati che possono essere investiti sui mercati legali, i certificates sono soggetti, nel caso in cui ci fossero dei default, al rischio dell’emittente, poiché paragonati alle obbligazioni senior non assicurate e nemmeno privilegiate.

L’imposizione fiscale su tali strumenti finanziari è affine a quella classica che viene applicata sui titoli azionari e originano importi diversi, permettendo il bilanciamento sulle entrate finanziarie.

Come funzionano i Certificates

Quanto al sottostante del certificato, dunque, possiamo affermare che potrebbe trattarsi di un titolo azionario, oppure di un indice ecc, che gli emittenti comprano e vendono Over The Counter. Il soggetto che investe, quindi, ha la possibilità di negoziare il pacchetto scelto, investendo il proprio denaro su un diverso numero di sottostanti di vario tipo.

Con una combinazione di più opzioni, che vanno a comporre il certificato, dunque, si può scegliere se coprire i propri fondi, guadagnare persino nel caso di ribasso del sottostante oppure di assicurarsi una produttività minima al verificarsi di specifiche posizioni. Dunque, con queste peculiarità i certificati sono considerati degli strumenti finanziari flessibili, ovvero che danno la possibilità all’investitore di adeguarsi al variare della situazione di mercato e persino alle differenti esigenze di portafoglio.

investimenti

Quanto ai certificates, possiamo affermare che ci sono due considerevoli macrocategorie di certificates:

  • investimento – adatti all’investimento del proprio capitale, che si differenziano da una struttura opzionale sottostante;
  • a leva – di tipo speculativo, ideali per attività di trading o copertura del portafoglio.

Certificates con Effetto Leva

I certificati con leva, sono quelli che propongono un rapporto proporzionale ai cambiamenti di prezzo del sottostante e permettono un maggiore beneficio dei rialzi o dei ribassi del medesimo. I certificates leva, dunque, si suddividono a loro volta in:

  • bull – permettono al soggetto investitore di adottare una posizione rialzista rispetto al sottostante;
  • bear – permettono di assumere una posizione ribassista.

Entrambe le tipologie di certificates, si differenziano dal livello di stop loss al raggiungimento del quale l’investimento si estingue in maniera anticipata. Questa tipologia di certificates, inoltre, si caratterizza da una logica di breve periodo e includono Minifutures e Turbo.

Trattandosi di strumenti finanziari di breve periodo, quelli con effetto leva si adattano al meglio agli investitori che hanno maggiori conoscenze nel campo, invece, per tutti coloro che non hanno molte conoscenze, sono indicati i certificates senza effetto leva.

Certificates Senza Effetto Leva

Quando parliamo di certificati senza effetto leva, ci riferiamo a strumenti finanziari più semplici, che replicano l’andamento del sottostante, limitando persino il rischio di cambio in quanto replicano l’indice in valuta locale.

Alla categoria dei certificates con leva, appartengono anche quelli senza leva, che consentono agli investitori di attuare strategie più complicate, tramite opzioni a carattere accessorio. I certificati con leva sono dotati di un orizzonte temporale di medio/lungo termine, e sono distinti in Classe A. La prima categoria che abbiamo appena descritto è a capitale non protetto, mentre la seconda classe, ovvero la B prevede una garanzia del capitale.

investire certificates

Quindi, i certificati appartenenti alla categoria A sono a capitale non protetto, mentre quelli appartenenti alla categoria B sono a capitale protetto. La seconda categoria di certificates, inoltre, si caratterizza dalla barriera. Con il termine barriera facciamo riferimento a un limite oltre cui non viene assicurato il capitale a scadenza. Ciò vuol dire che se la barriera viene infranta, il certificato diventa un Benchmark seguendo l’andamento del sottostante. Così facendo si ha la possibilità di ottenere il rimborso del costo nominale maggiorato di una cifra minima data dal bonus fissato.


Guarda anche

poste italiane e cassa depositi e prestiti andamento in borsa

Poste Italiane e Cassa Depositi e Prestiti: Andamento in Borsa

Poste Italiane e Cassa Depositi e Prestiti: Andamento in Borsa – La settimana scorsa Poste …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *