Compensazione F24 Debiti e Crediti: Guida Completa

10

Compensazione F24 Debiti e Crediti: Guida completa- Il sistema fiscale italiano è piuttosto complicato e pieno di norme che talvolta fanno impazzire anche i Commercialisti che in questa materia sono massimi esperti, figuriamoci i singoli cittadini che non hanno competenze specifiche e non sono, ovviamente, aggiornati sulle diverse norme che cambiano le carte un tavola ad ogni piè sospinto.

Oggi parleremo delle Compensazioni Irpef a credito e a debito cercando di fare chiarezza almeno su qualche punto fondamentale. 

Compensazione F24 2018

La Compensazione è un meccanismo attraverso il quale il contribuente ha la possibilità di mettere in relazione algebrica Debiti e Crediti al fine di ridurre quanto dovuto al fisco in relazione a quanto viene vantato a credito. Si tratta di una possibilità e non un obbligo che, tuttavia, va a vantaggio del contribuente, per non esporre somme a fronte di un credito di imposta.

Per chiarire meglio il concetto della compensazione facciamo l’ipotesi che devi pagare di tasse 1000 euro ma anche che hai un credito dallo Stato di 1500 euro. Puoi, attraverso la compensazione, richiedere il rimborso attraverso il modello F24 di 500 Euro.

Crediti e debiti compensati devono comunque risultare dalla dichiarazione dei redditi o dalle denunce contributive periodiche.

Chi può fare la compensazione

La compensazione è possibile per tutti i contribuenti, siano questi soggetti titolari di partita IVA che non.

I crediti sono compensabili fino al limite di 516.456,90 euro nello stesso anno solare tramite il modello F24 ma per importi superiori occorrerà compensare nell’anno successivo oppure richiedere il rimborso con modalità ordinarie.

Compensazione Credito Irpef 2018

Se dalla compensazione risulta un importo a credito, questo deve essere richiesto tramite il modello F24 se rientrante nei limiti previsti dalla legge e, se superiore, tramite le modalità ordinarie.

La Legge di Bilancio 2018 ha determinato che l’Agenzia delle Entrate ha la possibilità di sospendere l’esecuzione dei modelli F24 a credito relativi a compensazioni ritenute a rischio.

Tale sospensione non può essere superiore a 30 giorni, decorsi i quali se il credito risulta corretto, si dà luogo al pagamento e le compensazioni considerate eseguite.

Qualora la compensazione del Credito risultasse non corretta, la delega di pagamento sarà annullata e le compensazioni considerate non eseguite. Questa norma della Legge di Bilancio ha trovato chiarimento sulle modalità e criteri di attuazione tramite un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 28 agosto del corrente anno.

 Compensazione Crediti F24 e Credito Irpef 2017

Da quanto detto precedentemente, i crediti F24 eccedenti la somma limite consentita, possono essere compensati l’anno successivo.

In virtù di questa norma, nel corso del 2018 è possibile portare in compensazione crediti Irpef relativi al 2017 sempre con modello F24, anche in questo caso purché si resti sempre nel limite di compensazione come da Legge.

Come si vede il meccanismo di compensazione debiti e crediti attraverso il modello F24 è una cosa semplice da attuare e che consente una soluzione rapida nei rimborsi contrariamente alle modalità ordinarie che richiedono tempi maggiori.

Lo Stato sta seguendo una via di disincentivazione dell’uso del modello F24 a favore delle modalità telematiche e per questo i limiti soglia per la compensazione crediti tramite F24 sono stati decisamente ridotti nel corso del 2017, quando il limite era di molto superiore.

Hai trovato utile questo articolo? Commentalo subito e seguici su Facebook.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.