Dichiarazione dei Redditi: Come si Fa? Guida Completa

9

Gli adempimenti fiscali sono ciclici. non si fa in tempo a mettere nel cassetto quelli dell’anno precedente che è di nuovo ora di provvedere ai nuovi. Le persone, soprattutto gli imprenditori e i liberi professionisti devono impegnare gran parte del proprio tempo non a dirigere l’azienda ma a occuparsi degli obblighi fiscali, nel nostro Paese tant’è. il 2019 è appena iniziato ed è nuovamente ora di occuparsi delle Dichiarazione dei Redditi o quasi, il tempo passa in fretta.

Cos’è la Dichiarazione dei Redditi?

La Dichiarazione dei Redditi è il documento fiscale attraverso cui ciascun contribuente ha l’obbligo di dichiarare all’Agenzia delle Entrate quelli che sono stati nell’anno precedente i propri Redditi.

Con la Dichiarazione dei Redditi si comunica, quindi, al fisco la propria situazione reddituale considerando i redditi prodotti dal primo di gennaio al 31 dicembre dell’anno precedente.

Su tale somma si applicano le detrazioni e le deduzioni per ricavare l’imponibile, su cui calcolare l’imposta dovuta o, al contrario, l’imposta a credito della quale si richiede il rimborso.

I controlli sulla Dichiarazione dei Redditi

Sulla Dichiarazione dei Redditi l’Agenzia delle Entrate opera controlli per verificare la correttezza della stessa e l’esattezza dei calcoli. Per questo deve essere precisa, poiché in caso di errori ci si espone a sanzioni.

Esiste sempre la possibilità di un Ravvedimento operoso da fare se ci si avvede di aver commesso un errore, con una netta riduzione delle sanzioni previste.

Soltanto nel caso in cui si accetti la Dichiarazione dei Redditi Precompilata, quella con i dati risultanti al Fisco, non ci sono controlli sulla dichiarazione stessa.

Come Fare la Dichiarazione dei Redditi da Soli

E’ possibile Fare la Dichiarazione dei Redditi da Soli? Certamente si, tanto che la stessa Agenzia delle Entrate mette gratuitamente a disposizione dei Contribuenti i moduli da compilare con le relative istruzioni.

Queste ultime constano di molte pagine per i vari casi e non sempre sono così tanto chiare da consentire un’agevole compilazione senza rischiare di incappare in errori.

Poiché una Dichiarazione dei Redditi con errori comporta sanzioni da parte del Fisco, conviene sempre rivolgersi ad un Caf o un Professionista anche se questo comporta dei costi, sempre inferiori all’entità di eventuali sanzioni, comunque.

Diverso il caso del 730 Precompilato, arrivato ormai alla sua terza edizione e sempre più affinato e preciso. In questo caso il Contribuente ha la possibilità di accedere con lo Spid, con il codice rilasciato appositamente dall’Agenzia delle Entrate o con il PIN dispositivo INPS.

Verificata la correttezza dei dati sul Precompilato, se non occorrono correzioni, si può accettare così com’è e evitare di rivolgersi ad un Professionista.

Scadenze Dichiarazione dei Redditi

Per il 2019 il Governo ha stabilito delle scadenze semplici:

  • Entro il 15 aprile sarà disponibile il 730 Precompilato
  • Entro il 2 maggio si deve accettare il Precompilato o apportare le dovute correzioni del caso.
  • Il termine per l’invio del 730 ordinario è fissato al 8 luglio
  • Il 23 Luglio è, invece, il termine per la presentazione della Dichiarazione dei Redditi con il 730 Precompilato e per l’invio del 730 ordinario se fatto da un Caf.
Dichiarazione dei Redditi

Dichiarazione dei Redditi Precompilata

Al fine di rendere più semplice e snella la compilazione della Dichiarazione dei Redditi,. l’Agenzia delle Entrate, già da tre anni, provvede a rendere disponibile la Dichiarazione con i dati risultanti al Fisco.

Si aprono a questo punto due possibilità:

  • Se la Dichiarazione dei Redditi Precompilata contiene tutti i dati corretti, può essere presentata così com’è e nessun controllo può essere eseguito sulla stessa
  • Se la dichiarazione Precompilata necessita di essere corretta, si dovrà provvedere ad apportare le dovute modifiche e presentarla nei termini stabiliti. In questo caso, soprattutto se dalle modifiche dovesse risultare un Credito di imposta, L’Agenzia delle Entrate ha facoltà di eseguire controlli, pertanto è opportuno conservare la documentazione relativa alle motivazioni che hanno portato al Credito sulle correzioni.

In buona sostanza, hai la possibilità di provvedere da solo alla Dichiarazione dei Redditi ma solo se hai la piena competenza per poterlo fare, diversamente rivolgiti sempre ad un Caf o a un Professionista.

Ti siamo stati utili con questo articolo? Commentalo subito e seguici su Facebook.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.