Fondo di Garanzia Prima Casa?

Fondo di Garanzia Prima Casa? Cosa è il fondo di garanzia per la prima casa? Come funziona? Chi ne può beneficiare? Ecco tutte le informazioni sul fondo di garanzia per i mutui per l’acquisto della prima casa.

Il Fondo di Garanzia per i Mutui acquisto Prima Casa, gestito dalla Consap S.p.A., è stato istituito con la Legge del 27.12.2013 n. 147 presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la sua disciplina attuativa è contenuta del Decreto interministeriale del 31.7.2014.

Sostanzialmente il Fondo nasce per agevolare determinate categorie di soggetti nell’acquisto della prima casa che necessitano di inoltrare una richiesta di mutuo ad un Istituto Bancario.

In sintesi, lo Stato ha stanziato 670 milioni di euro per il triennio 2014-2016 e si accolla il 50% della quota capitale del mutuo, compresa la ristrutturazione dell’immobile o il suo efficientamento energetico, nonché prevede un bonus per l’acquisto di mobili e arredi anche in assenza di ristrutturazione.

Non tutti gli Istituti di Credito tuttavia aderiscono all’iniziativa, pertanto è opportuno sincerarsi che la Banca prescelta rientri nell’elenco delle aderenti all’iniziativa, ferma restando la discrezionalità che essa gode di accettare o meno la domanda di fruizione del Fondo e nel concedere o meno il Mutuo.

Eliminati i limiti di reddito, le categorie che hanno accesso con priorità alle agevolazioni promesse dal Fondo sono: giovani coppie da almeno due anni, comprese quelle di fatto, in cui, se non entrambi, uno dei componenti abbia età inferiore ai 35 anni, nuclei monogenitoriali con figli minori a carico, giovani che abbiano meno di 35 anni con lavoro atipico (Art. 1 L. 28.6.2012, n. 92), chi sia conduttore di alloggi rientranti nella proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari.

Per essere ammessi al Fondo, il mutuo non deve superare i 250 mila euro, l’immobile deve essere l’abitazione principale che non rientri nelle categorie catastali A1, A8, A9 o nella categoria degli immobili di lusso e non superare i 95 mq, non bisogna essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli ereditati o in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

Alcune delle agevolazioni: Teg (tasso effettivo globale) con limite pari a quello rilevato trimestralmente come medio dal Ministero dell’economia e delle Finanze, le Banche di non chiedono altre garanzie che non sia l’ipoteca sull’immobile e l’intervento del Fondo nel caso in cui il mutuatario non riesca più a pagare le rate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.