Investire in Arte Contemporanea Conviene?

7

Investire in Arte Contemporanea Conviene? L’attuale periodo di crisi globale che stiamo vivendo, rende complicata per chi ne ha la possibilità, la decisione di scegliere il settore maggiormente redditizio nel quale investire.

Attualmente, il mercato finanziario classico è ormai alla frutta e anche quei beni che prima venivano definiti di rifugio, come l’oro e gli immobili adesso non valgono più come prima.

Negli ultimi anni, invece la vendita di alcune opere d’arte, ha attirato l’attenzione di diversi soggetti benestanti che desiderano guadagnare ancora del denaro.

Infatti, una ricerca dell’Associazione italiana Private Banking, afferma che nel nostro Paese le famiglie benestanti investono in opere d’arte.

Tuttavia, guadagnare con l’arte non è sempre facile, ma quando parliamo di quadri di noti artisti come Van Gogh, Picasso o Bacon, le cose cambiano.

Le cose si complicano se parliamo di arte contemporanea e artisti ancora sconosciuti. Infatti, non è semplice avere la certezza che un determinato artista da lì a breve vederà moltiplicarsi le proprie valutazioni.

Per quanto concerne il mondo dell’arte contemporanea, questo è gestito da diversi interessi trasversali, ciò vuol dire che è difficile fare delle previsioni.

Però, l’accesso a questo determinato mercato è meno caro rispetto agli altri. Le opere d’arte offrono davvero molto rispetto agli altri mercati, ma per quanto riguarda questo tipo di compravendita, è necessario conoscere alla perfezione ogni dettaglio di questi beni.

Prima di tutto dobbiamo affermare che, deve esserci una relazione tra il valore storico di un artista e il prezzo di mercato.

Dunque, più è alta la spesa e più è significativo il ruolo che occupa l’autore nell’ambito della storia dell’arte. Tuttavia, numerosi e piuttosto complessi sono i fattori che determinano i prezzi delle opere. Ciò vuol dire che, le quotazioni devono essere considerate come la somma di un insieme di elementi che colui che colleziona, deve sempre ricordare quando acquista un’opera.

Questi elementi, possono essere riassunti in diversi punti, ovvero:

  • La qualità dell’opera: Il mercato esalta maggiormente l’olio su tela o acrilici. Dunque, ci riferiamo a opere che non rischiano di deteriorarsi nel tempo.
  • Il grado di commerciabilità e piacevolezza, più è grande e più il valore aumenta.
  • Il momento artistico, ovvero il periodo in cui l’artista ha realizzato il suo quadro nell’ambito della sua carriera.
  • La rarità delle opere, soprattutto se la fama dell’autore non è internazionale, compromette l’aumento delle quotazioni, questo perché l’offerta supera la domanda.
  • La diffusione nazionale o internazionale,
  • Le pubblicazioni,
  • Il curriculum delle mostre e le variabili.

Per investire in un’opera d’arte è necessario seguire alcune semplici regole. Prima di tutto è importante conoscere la storia dell’arte, poi bisogna visitare i musei di arte contemporanea e le mostre più significative, frequentare gallerie che fanno tendenza, leggere apposite riviste e seguire attentamente i cataloghi delle aste.

Dunque, per fare un buon acquisto è necessario accertarsi dell’autenticità dell’opera, scegliere l’autore in base al proprio budget, conoscere bene la storia dell’autore, analizzare con cura l’iter creativo dell’autore, frequentare musei e gallerie specializzate, controllare attentamente i prezzi d’asta e non trascurare gli autori considerati minori o ancora emergenti.

Quindi, il mercato d’arte contemporanea, è un mercato in cui si ha la possibilità di fare investimenti di taglio. Non si tratta più di un mercato segreto, bensì popolare, un segmento d’investimento alternativo, che a lungo andare si potrà sviluppare sempre più grazie alle nuove tecnologie.

E tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento su Forex Notizie.it oggi stesso, oppure condividi quest’articolo su Facebook.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.