Marca da Bollo su Fattura Regime Forfettario. Come Funziona?

Marca da Bollo su Fattura Regime Forfettario. Come Funziona? Il Regime Forfettario 2017 è stato introdotto con il Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio per l’anno 2017, che ha anche modificato il coefficiente reddituale, portandolo a 30 mila Euro per i professionisti, aumentati di ulteriori 10 mila Euro per tutte le altre attività ATECO.

E’ dunque possibile fare domanda di accesso al Regime Forfettario che consente di semplificare notevolmente  la gestione e riduce gli adempimenti fiscali.

Anche i Pensionati e i dipendenti con una seconda attività possono accedere al Regime Forfettario, purché il reddito annuo non superi i 30 mila Euro.

Le Startup possono accedere a questo regime che consente l’applicazione di un’imposta ridotta al 5% per 5 anni.

Esistono, quindi, delle agevolazioni come, ad esempio, l’abolizione dell’obbligo di registrazione delle fatture, dei corrispettivi, della tenuta contabile e la conservazione di registri e documenti, con l’eccezione della conservazione dei documenti emessi e ricevuti.

Chi è ammesso al Regime Forfettario è esonerato anche dallo Spesometro e dall’applicazione degli studi di settore. Sono esentati dalla certificazione dei corrispettivi gli esercenti di attività di vendita di Tabacchi, giornali e carburanti.

Se l’aderente al Regime Forfettario è un imprenditore, questi può versare i contributi Inps sulla base del reddito  dichiarato e non più in base al reddito minimale.

Grazie alla semplificazione derivante dal Regime Forfettario il Contribuente ha alcuni adempimenti obbligatori, meno del passato ma pur sempre necessari:

  • E’ obbligatoria la numerazione e conservazione delle fatture d’acquisto e delle Bolle Doganali
  • Escluse la attività di vendita di Tabacchi, giornali e carburanti, è obbligatoria l’emissione e la conservazione delle fatture e, in caso di esonero dall’obbligo di fattura, dello scontrino fiscale o ricevuta fiscale.
  • Non è ammessa la compensazione IVA.

Poiché il Regime Forfettario è un regime in franchigia dell’IVA, sulle fatture non deve essere indicato l’importo dell’imposta ma deve figurare la dicitura che si tratta di “Operazione in franchigia da IVA“.

Le fatture sono gravate da Bollo emesso in via telematica dall’Agenzia delle Entrate oppure assolto in modo virtuale; l’importo del Bollo è di 2 Euro, come comunemente per le fatture, ma è obbligatorio soltanto per fatture di importo superiore a 77,47€.

Sono esentate dall’obbligo di apposizione del Bollo le fatture per acquisti intracomunitari e le fatture emesse da soggetti ammessi al Regime Forfettario che risultino debitori di IVA.

Pur essendo il Regime Forfettario molto semplificato, sotto molti aspetti, rispetto alla gestione ordinaria, occorre evitare errori che potrebbero generare delle sanzioni da parte del Fisco, ragione per la quale è consigliabile in ogni caso rivolgersi ad un professionista che potrà gestire o indicare chiaramente e con certezza il modo di gestire questa possibilità fiscale.

Per approfondimenti leggi anche Come funziona il regime forfettario IVA? e Marca da Bollo su Ricevuta di Prestazione Occasionale?

Se quest’articolo ti è piaciuto, o ti è stato utile, metti mi piace o condividilo su facebook!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.