Polizze Assicurative Sanitarie

Le assicurazioni sanitarie, conosciute anche come polizze malattia, hanno il compito di provvedere alle spese sanitarie, che spesso sono molto ingenti.

Siccome non tutti hanno la possibilità di provvedere al pagamento di terapie sanitarie, e all’acquisto di farmaci, esistono delle polizze malattia che si assumono l’onere di provvedere al mantenimento delle spese sanitarie.

Questo tipo di assicurazione, come ogni altro tipo di assicurazione, è facoltativa, e viene messa in atto attraverso un contratto che prevede la copertura di spese sanitarie in caso di infortunio o malattia.

Tali tipi di polizze sono generalmente diffuse in paesi dove la sanità non è statale, come ad esempio negli Stati Uniti, e consente di usufruire di una prestazione medica di ottima qualità, senza spendere cifre troppo elevate.

Esistono differenti tipologie di polizze sanitarie, ciascuna delle quali presenta differenti caratteristiche, tali da renderle adatte alle esigenze di ogni paziente.

Tipi di Polizze Assicurative Sanitarie

Le assicurazioni sanitarie più comuni sono: quelle identitarie, a rimborso, e quelle per invalidità permanente o totale.

Il primo tipo di polizza, consente all’assicurato di usufruire di una somma di denaro, calcolata su ogni giorno di ricovero presso le strutture sanitarie.

Tale tipo di assicurazione mette a disposizione degli assicurati anche un eventuale indennizzo, per coprire le spese di ingessatura, in seguito a fratture ossee.

Un altro tipo di polizza sanitaria è quella a rimborso, che provvedere al risarcimento delle spese mediche, necessarie in seguito ad un incidente o a una malattia.

Queste spese possono ricoprire interamente o parzialmente i costi dei trattamenti sanitari, a seconda del tipo di contratto stipulato. Le assicurazioni per invalidità permanente, invece, retribuiscono l’assicurato di una cifra calcolata sulla base del tipo di invalidità certificata.

Ciascun tipo di polizza viene stilata mediate un documento, in cui prendono parte il beneficiario, l’assicurato, e la compagnia assicurativa.

Quest’ultima si offre di coprire le spese sanitarie, sulla base del tipo di contratto stipulato con l’assicurato.

A chi è consigliata una polizza sanitaria?

Generalmente questa pratica viene consigliata a coloro che non possono permettersi di provvedere a determinati tipi di spese mediche, come ad esempio nel caso delle spese dentistiche, che prevedono costi abbastanza elevati.

In molti casi però, tali assicurazioni sono diffuse in località dove la sanità è del tutto privata; per questo motivo, viene offerta la degna possibilità a tutti di usufruire dei trattamenti terapeutici necessari per le proprie cure.

Nonostante l’Italia sia un Paese in cui la sanità è statale, è sempre consigliabile stipulare un’assicurazione malattia, così da evitare di spendere cifre esorbitanti per poter usufruire di cure sanitarie legittime.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.