Surroga del mutuo: Cosa è? Come funziona?

1

Surroga del mutuo: Cosa è? Come funziona? La surroga è una forma di contratto che prevede il passaggio di un mutuo ipotecario dall’originario istituto bancario a uno nuovo.

Si tratta quindi di una sostituzione del muto firmato in precedenza con il subentro di una nuova banca con cui il mutuatario può stabilire condizioni a lui favorevoli, senza costi aggiuntivi, senza oneri, e specialmente senza il bisogno del consenso dell’istituto di credito originario.

Quindi, con la surroga si va a sostituire il mutuo senza doversi cancellare dalla precedente ipoteca e senza un’ulteriore iscrizione ipotecaria.

Con ciò affermiamo che, la surroga è un mutuo di scopo che viene erogato solo per una quota uguale ai fondi residui del vecchio mutuo, le condizioni di tasso e di durata, possono cambiare completamente.

La surroga sostituisce sia un mutuo destinato all’acquisto della prima casa, sia un mutuo stabilito per l’acquisto di una seconda abitazione. È possibile anche chiedere la surrogazione di un mutuo di liquidità, e surrogare mutui erogati dalle banche e dall’INPDAP.

L’atto di surroga si divide in due tipi: bilaterale che prevede l’intervento in atto di un nuovo istituto di credito, del mutuatario e di un ulteriore atto unilaterale di quietanza.

La surroga bilaterale, a sua volta si suddivide in due fasi: la firma del contratto di mutuo, si tratta di un nuovo contratto di mutuo, in cui sono presenti tutte le condizione stabilite tra il mutuatario e la nuova banca; stipulazione dell’atto unilaterale di quietanza, è la dichiarazione dell’istituto di credito originario che afferma l’avvenuta estinzione del mutuo tramite surrogazione con impegno a non cancellare l’ipoteca.

Infine, l’atto di surroga prevede anche la surroga trilaterale, in cui è previsto l’intervento dell’istituto di credito originario, della nuova banca e del mutuatario.

Questo tipo di surroga viene firmato tramite un atto notarile in cui sono contenuti: il nuovo contratto di mutuo, con ogni condizione stabilita dalla nuova banca e dal mutuatario; la quietanza di estinzione dell’originario residuo mutuo, consegnata dall’istituto uscente e, l’impegno a non annullare l’ipoteca originaria.

Quindi, se hai stabilito di ricorrere alla sostituzione, ma hai capito che non si tratta dell’opzione più conveniente per le tue esigenze, puoi ricorrere alla surroga del mutuo.

Se hai saputo dell’esistenza di un mutuo con migliori condizioni, con rate mensili più basse, allora hai la possibilità di chiedere al tuo istituto di credito di accettare questa possibilità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.